Io sto con te: ospitalità di soccorso per genitori (padri) separati dai figli

Lunedì 19 marzo (giorno della festa del papà) alle ore 10.30, conferenza stampa convocata dall’Associazione San Cristoforo un pezzo di strada insieme e dalla Fondazione di Comunità Munus.

Tema della Conferenza stampa è la presentazione del progetto di ospitalità di soccorso per genitori (padri) separati dai figli che è stato chiamato ‘Io sto con te’ che sarà sostenuto anche dalla Fondazione Munus. Il Presidente della Fondazione, dott. Giorgio Delsante, illustrerà le modalità del sostegno all’iniziativa dell’Associazione San Cristoforo.

Si prevede di inaugurare il servizio il 6 maggio (giorno della festa della mamma), con l’apertura del primo appartamento, al quale ne seguiranno altri nei successivi mesi. Tale progetto è stato avviato grazie al contributo del Gruppo Immobiliare Paluan e reso possibile anche grazie al supporto della Fondazione Pizzarotti che verserà una somma di Euro 8.500, utili per la ristrutturazione di questo primo appartamento.

continua a leggere Io sto con te: ospitalità di soccorso per genitori (padri) separati dai figli

La solidarietà del panificio Chezzi

2018-03-05-photo-00000509

Il panificio Chezzi ogni giovedì alla chiusura del negozio dona pane e pizze in rimanenza alla nostra Casa di Colorno, che accoglie in questo momento richiedenti protezione internazionale in Convenzione con la Prefettura di Parma e Gruppo Amici Onlus.

Al Panificio, per questa bella dimostrazione di spirito solidale e di gentilezza, mandiamo sentitamente i ringraziamenti nostri e dei nostri accolti.

 

 

 

Una giornata in Barilla

Mercoledì 31 gennaio i richiedenti asilo ospiti della casa delle Querce di Mamre sono stati accolti in Barilla e accompagnati in visita allo stabilimento di Pedrignano.

I nostri “ragazzi” hanno così potuto confrontarsi con la grande realtà produttiva italiana, hanno ascoltato la storia della famiglia Barilla, dalla nascita della sede principale dell’azienda alla crescita esponenziale in diversi paesi del mondo, hanno partecipato attivamente attraverso interventi, dimostrando curiosità e interesse.
Al racconto è seguita una visita dello stabilimento nelle diverse fasi produttive e di essicazione della pasta.

I nostri richiedenti asilo hanno partecipato con grande interesse, soddisfazione e gratitudine a questa bella occasione di integrazione per la quale ringraziamo in particolare Fabio Terziotti e Giorgia Papini di Barilla, l’Azienda tutta e la nostra volontaria Tiziana Scorza che ha lavorato perché questa giornata si realizzasse.

continua a leggere Una giornata in Barilla

Io sto con te si aggiudica il bando Insieme della Fondazione Pizzarotti

Integrazione e coesione sociale, sostegno alle famiglie in difficoltà, educazione sono gli ambiti su cui vertono i progetti che si sono aggiudicati il bando Insieme della Fondazione Pizzarotti.

Il progetto “Io sto con te” della San Cristoforo è un progetto di ospitalità di soccorso per padri e bambini che hanno sofferto il trauma della separazione. L’iniziativa, grazie al coinvolgimento solidale di proprietari immobiliari e associazioni dedicate, si propone di offrire una casa a chi perdendo il tetto coniugale sarebbero in alternativa costretto alla strada. Sostenuto anche da Welfare Parma, Gruppo Paluan e Casa di Lodesana (Gruppo Amici), “Io sto con te” è finalizzato al recupero dell’autonomia della persona, contenendo allo stesso tempo il trauma e le conseguenze sui figli.

Progetto IO STO CON TE – Gazzetta di Parma

Progetto IO STO CON TE – Parma . . . → Continua a leggere: “Io sto con te” si aggiudica il bando Insieme della Fondazione Pizzarotti

I nostri richiedenti asilo volontari per San Prospero

Nell’ambito del progetto Mi impegno a Parma, in convenzione con il Comune, i nostri ospiti e quelli di altre Associazioni e Centri di Accoglienza si occupano volontariamente attività di volontariato in città, come la pulizia di cortili e marciapiedi, la pulizia delle strade da erbacce e rifiuti abbandonati, come la rimozione del vandalismo grafico dai muri. Anche oggi i nostri ragazzi si sono dati da fare, questa volta in un bel quartiere di San Prospero, ripulendo i giardini, le strade e i parcheggi dai rifiuti e segnalando a Iren strutture danneggiate da sostituire.

Speriamo che questi progetti di integrazione utili a tutti, stranieri e italiani si moltiplichino!

I nostri richiedenti protezione internazionale al lavoro per la città

I nostri accolti, insieme agli ospiti di altre associazioni, hanno svolto attività di volontariato in città, come la pulizia di cortili e marciapiedi, la pulizia degli stradelli del centro storico da erbacce e la raccolta di piccoli rifiuti abbandonati, come la rimozione del vandalismo grafico dai muri. Venerdì c’è stata la bella restituzione sul progetto nella Sala Del Consiglio del Comune con la consegna degli attestati alla presenza dell’Assessore Laura Rossi.

 

L’articolo su Repubblica.it

Inaugurata la Casa della Misericordia

In Oltretorrente, è stata inaugurata il 3 settembre 2016 con una giornata di incontri sul tema dell’accoglienza nel convento dell’Annunziata. Ospiterà persone ai margini e richiedenti asilo.

Una nuova casa per l’accoglienza di persone italiane e straniere in grave difficoltà economica e sociale, anche rifugiati e richiedenti asilo, sarà inaugurata il 3 settembre nel cuore dell’Oltretorrente.

La Casa della Misericordia Madre Teresa di Calcutta sarà inaugurata il prossimo 3 settembre in una palazzina al civico 35 di borgo Cocconi. L’intero edificio, che si compone di otto appartamenti, è stato donato da una famiglia per dare una speranza a chi si trova ai margini.

In occasione dell’inaugurazione si è tenuta presso il convento della SS. Annunziata una giornata di incontri con personalità legate al variegato mondo della solidarietà sociale: “Un importante momento di confronto sui temi dell’accoglienza, per pensare Parma come una città aperta che tende una mano a tutti” spiega don Cocconi.

La . . . → Continua a leggere: Inaugurata la Casa della Misericordia

E' arrivata la Casa di Mamre a Bogolese

Gazzetta di Parma - La Casa di Mamre a Bogolese

L'articolo sulla Gazzetta

Acquistato dall’associazione a Bogolese, Sorbolo, nel febbraio 2016, lo stabile è stato “rimesso in sesto” ed è ora pronto all’accoglienza dei nostri ospiti, persone che vivono situazioni di precarietà, inviate dai Servizi pubblici o giunte alla San Cristoforo in modo autonomo e accolte in progetti di inclusione sociale.

Alcune immagini dell’inaugurazione della Casa di Mamre

I richiedenti asilo In questo momento, sono accolti nella Casa Querce di Mamre i richiedenti asilo. San Cristoforo supporta infatti il progetto di Gruppo Amici Onlus di Fidenza in convenzione con la Prefettura di Parma, ospitando richiedenti asilo, uomini e maggiorenni, provenienti da diversi Paesi. Fino all’ottenimento dello status di rifugiato da parte della Commissione Territoriale, gli accolti partecipano a programmi di inclusione sociale in concertazione con Servizi Sanitari (AUSL), Comune di Parma, Comune di Sorbolo, Questura di Parma, con il supporto del volontariato locale e la supervisione della Prefettura di Parma.

Foto di . . . → Continua a leggere: E’ arrivata la Casa di Mamre a Bogolese

Rosi, docente di cucina volontaria alla San cristoforo

rosi docente di cucina

Rosi Castiello è stata per dieci anni la cuoca del ristorante «La Croce di Malta». Da quando – assieme al marito – ha deciso di lavorare soltanto nei mesi estivi all’estero, insegna a cucinare ai profughi dell’associazione Gruppo Amici e San Cristoforo. Rosi da circa un mese ha dato vita a una piccola scuola di cucina negli spazi di via Duca Alessandro, per fare in modo che i circa cinquanta migranti ospitati nella struttura possano preparare autonomamente i pasti.

I nostri volontari SONO la San cristoforo!

I nostri ospiti richiedenti asilo al Romagnosi

Da più di un anno è iniziata la nuova avventura di S. Cristoforo,  l’accoglienza di rifugiati provenienti da Paesi lontani, da prima  dimenticati e, proprio per questo, ora sempre più vicini. Alla ricerca di un futuro di dignità e speranza, si adoperano in lavori socialmente utili per la città e imparano a conoscerci, anche aiutando gli studenti italiani nell’apprendimento delle lingue inglese e francese.

Sette studenti dell’ultimo anno del Romagnosi (classe terza F) hanno incontrato una decina di giovani provenienti da un mondo assai meno accogliente, quello che hanno lasciato alle loro spalle per guerra o per fame, e che, con mezzi di fortuna, sono arrivati a Parma come “richiedenti protezione internazionale”, trovando ospitalità nelle associazioni “Svoltare Onlus”, “Betania”, “Aurora” e “San cristoforo – Gruppo Amici”. (dal sito web del comune di Parma)

L'ASSOCIAZIONE
EFFETTUA:
di piccola entità
a Parma e provincia
di materiale vario
PER INFORMAZIONI
331.1337103